San Salvatore Telesino è un comune della provincia di Benevento di circa 4.000 abitanti che sorge alle falde di un rilievo conico vicino alla Strada Statale Telesina.

Le origini di San Salvatore sono strettamente correlate a quelle di Telesia (odierna Telese Terme), poiché dopo l’abbandono di quest’ultima del 1394, dovuto al terremoto di quell’anno, i profughi ricevettero in dono un territorio di proprietà di un monastero benedettino e lì eressero un nuovo centro.

Il neonato borgo prese il nome di Casale San Salvatore a dimostrazione della propria dipendenza monastica e per diversi secoli rimase sotto la dominazione del monastero benedettino dedicato al Santo Salvatore, da cui il nome.

Dopo la decadenza dei monaci benedettini, il borgo passò a Giovanni Monsorio, maggiordomo di Ferdinando I d’Aragona, e, in seguito, ai Carafa che lo mantennero fino alla caduta del feudalesimo avvenuta nel 1806 e dal 1861 in poi è parte della provincia di Benevento.