A seguito della costruzione della diga sul fiume Tammaro, nella metà degli anni ’70, alcuni cittadini sentirono l’esigenza di intraprendere iniziative per la salvaguardia della biodiversità e la protezione della fauna spingendoli a creare un gruppo attivo con l’obiettivo di istituire un’area naturalistica protetta.

Dopo alcuni anni di proposte, dibattiti e discussioni, nacque l’Oasi con apposita convenzione tra la Provincia di Benevento e WWF Italia, comprendendo un’area di circa 1.000 ettari in prossimità del lago artificiale nei comuni di Campolattaro e Morcone. A seguito del riempimento progressivo dell’invaso artificiale, si è sviluppato un habitat naturale favorevole alla presenza di diverse specie di uccelli.

Lungo i sentieri che costeggiano il lago è possibile osservare anche diverse e caratteristiche tipologie di alberi, colorate siepi, prati e boschetti ricchi di olmi, biancospino e rosa canina. La natura dell’area e il suo posizionamento lungo un’importante rotta migratoria, rende il lago meta di molte specie di uccelli che, durante il loro viaggio, vi trovano ristoro e riposo.

Qui si può osservare il maestoso airone cenerino che nidifica in primavera; il cormorano, uccello subacqueo che, dopo aver compiuto una precisa ispezione sorvolando le acque, si tuffa verso il fondale per catturare i pesci; lo svasso maggiore, che si appresta a svolgere la coreografica parata nuziale e a costruire il suo nido galleggiante; il germano reale, che con i suoi magnifici colori spicca sulla superficie blu dell’acqua.

Simbolo dell’Oasi è il gruccione, uccello elegante dal piumaggio molto vivace

Nel corso del tempo, diversi rapaci hanno trovato un habitat ideale per cacciare e allevare i loro piccoli, tra cui la poiana, il gheppio, il nibbio bruno e il falco pellegrino. Questi predatori diurni lasciano poi il posto ai più schivi rapaci notturni come il gufo comune, l’assiolo, la civetta, l’allocco e il barbagianni, i cui “canti” si possono ascoltare nelle incantevoli serate che l’ambiente incontaminato ci regala.

All’interno dell’area naturalistica è attivo un centro visite (con area picnic) attrezzato per accogliere i visitatori che vogliono trascorrere piacevoli momenti di relax. I volontari del WWF Sannio, che qui svolgono la loro attività, garantiscono aperture domenicali e attività di educazione ambientale rivolta alle scolaresche che fanno visita all’Oasi.

Nei pressi del lago si possono svolgere diversi e divertenti hobby: birdwatching, trekking, nordic walking e canoa, a cura dell’Associazione Canoa- vela Campolattaro che pratica le sue attività sul tratto del fiume a valle della diga e solo eccezionalmente sulle acque dell’invaso. Con l’intento di salvaguardare e promuovere un territorio ricco di biodiversità, l’Oasi WWF Lago di Campolattaro vi invita a seguire le iniziative e le proposte turistiche che troverete sul nostro sito web.

Si ringraziano Camillo Campolongo, Costantino Tedeschi e Salvatore Mobilia per la preziosa collaborazione

Per maggiori informazioni

www.wwf.it/oasi/campania/lago_di_campolattaro